Franceschini a Mestre il 17 giugno!

Vi ricordiamo l’appuntamento con il segretario nazionale Dario Franceschini e Davide Zoggia, mercoledì 17 GIUGNO alle ore 17.30 in Piazza Ferretto a Mestre.
Al termine del comizio, sullo stesso palco ci sarà il confronto pubblico tra i candidati.
Considerata l’importanza dell’iniziativa siete pregati di garantire la presenza e diffondere l’invito a tutti i vostri contatti.

Debora e il Partito Democratico

La fulminea ascesa di miss Frangetta

Beppe Severgnini,

Prima il ruvido Soru, il lepido Letta, l’americano Martina, l’ammaliante Madìa, la morbida Mosca, lo scattante Scalfarotto, il rapido Renzi.

 La speranza del secolo per la settimana in corso, nel Partito Democratico, si chiama Debora Serracchiani.

Trentotto anni, vive in Friuli. Gioca a tennis, tifa Roma, ama “Law and order”, ha due cani e tre gatti, indossa collane colorate.

Bene: e poi? Nulla contro Miss Frangetta, che ha fatto il botto alle Europee e, contrapposta a Lady Brambilla, ha brillato a “Ballarò” (meno difficile, diciamolo).

Ma l’ansia con cui il Pd lancia i suoi campioni è pari alla fretta con cui li abbandona.

 Un buon risultato elettorale, una candidatura, qualche uscita TV: di solito basta, per sparare in alto un nome nuovo. Intanto, giù a terra, i marpioni aspettano: cadrà, e noi ci sposteremo per non farci male. La scelta della dirigenza sembra casuale. Le selezioni di X Factor sono più serie. Qualcuno dirà: è una strategia per evitare la cooptazione, dal caos uscirà il nome del futuro. Se così fosse, perché tutto quel lavorìo, quelle discussioni, quelle assemblee costituenti, quei ci-vedremo-a-Vedrò.

Ora c’è “il gruppo del Lingotto”. Buona fortuna, ma occhio: Torino, a Veltroni, non ha portato bene. Mario Ajello sul “Messaggero” parla di “neopolitica”. Termine impeccabile: i nei, sulla politica italiana, non mancano. L’uso emotivo delle nuove leve è tra questi. Perché gli americani insistono con le primarie (vere)? Perché sono un modo di provare un candidato. Idee, carattere, tenuta psicofisica. Obama non è uscito per caso. Viene da anni di tentativi, ragionamenti, esperimenti (www.rockthevote.com), lavoro porta a porta.

L’unico “Porta a porta” che appassiona i dirigenti del Pd va in onda su Rai Uno in seconda serata. In attesa di un congresso – alleluia! – qualche dubbio è lecito.

I leader democratici sembrano i cavallini meccanici che gareggiano nelle fiere di paese: vanno in testa a turno, e non si capisce perché. Veltroni ha condotto una coraggiosa campagna elettorale, Franceschini s’è rivelato un vice sorprendente. Ma nessuno è riuscito a emozionare gli elettori.

 Dario Di Vico, sul “Corriere”, mostra d’aver capito perché la Lega funziona (“Fabbriche e gazebo: la Lega modello Pci”). Perché c’è, discute, semplifica, festeggia, ha una struttura chiara (un generale, quattro colonnelli, seguono ufficiali, sottufficiali e truppa). Dà spesso risposte rozze a problemi delicati: ma almeno le dà.

 Facebook è importante: ma anche guardarsi in faccia serve. Ecco perché la Lega sopravviverà a Bossi, mentre c’è da domandarsi se il Pdl abbia un futuro dopo Berlusconi.

 E il Pd? Per sopravvivere dovrebbe prima vivere: siamo in attesa. (Dal Corriere della Sera di giovedì 11 giugno) —– “Giovani per cosa?” – Oggi alle 15 diretta-video su Corriere.it, con l’on. Alessia Mosca (Pd) e Ivan Scalfarotto, componente dell’Assemblea Nazionale del Partito Democratico.

http://www.corriere.it/solferino/severgnini/09-06-11/01.spm