VERBALE  INCONTRO COORDINAMENTO PD MIRANO 03-02-2009

 

 

11 presenti: Lori Giancarlo, Bonaldi Luigino, Tanduo Paolo, Marconati Fernando, Salviato Roberto, Artuso Roberto, Boato Daniela, Marchiori Franco, Minto Giovanni, Mion luciana, Lazzaro Marisa.

 

Artuso R. informa della 3 giorni di mobilitazione indetta dal PD (14-15-16 Febbraio) ad illustrare ai cittadini le proposte del partito per uscire dalla crisi.

La 3 giorni sarà preceduta a Mirano da un incontro pubblico del pres. della prov. Zoggia il giorno 13. Zoggia sarà nel miranese per raccogliere le proposte dei cittadini e degli attivisti del PD; le ”Primarie delle idee” così le ha chiamate e ritiene di poter trovare spunti per il suo programma elettorale.

 

Discutiamo su come gestire tecnicamente il tutto.

 

Artuso R. riassume: ci troveremo Lunedì 9. Saranno in quella data disponibili i materiali (volantini e manifesti sui 3 giorni), così potremo distribuire materiali e compiti. Pensiamo ad un volantinaggio casa per casa.

 

Alcuni danno già la loro disponibilità: Marconati e Boato in via Battisti, Roberto Salviato e Tanduo a Scaltenigo, Lori e Artuso in via Gramsci, Cacco a Ballò.

Lunedì 9 allargheremo l’impegno anche agli altri.

Si scarta l’idea del gazebo in piazza perché poco produttiva. Si punta alla visibilità dell’incontro del  13 che sembra stimolante anche per tutti noi.

Giungono informazioni che il PTCP sarà presentato anche il giorno 4 a Venezia. Il giorno 6 ore 17,45 in via Cecchini a Mestre si parlerà di infrastrutture. Il giorno 3 a Mirano c’è un incontro aperto solo ai consiglieri comunali sui flussi di traffico intorno a Veneto City.

Non c’è solo il territorio, incontri su welfare, stato sociale ecc., gli spunti sono tanti.

 

Il Coordinatore conclude che alla riunione di lunedì 9 Febbr.  chiunque potrà presentare delle proposte, meglio se già elaborate, da sottoporre poi alla giornata delle idee.

 

                                              —————————————

 

argomento Mariutto

 

Artuso R. riassume il problema del Mariutto e ricorda che si era detto di affrontare il discorso in un pubblico dibattito. Riporta la proposta di Licia Barzan di non centrare l’incontro sul Mariutto ma sulle IPAB.

 

Lazzaro M.: è importante parlare della riforma delle IPAB che è ferma in regione da tempo. Il Mariutto potrebbe avere anche dei vantaggi come una maggiore autonomia.

Ma la riforma delle IPAB non spiega il problema del Mariutto. Io lo farei sul Mariutto. Il partito deve prendere posizione. Inoltre dobbiamo dare al consiglio del Mariutto l’opportunità di esprimersi.

 

Marchiori F.: bisogna contenere questo sindaco che non ha nemmeno la pazienza di ascoltare.

Occorre invertire la rotta a norme contenute nella proposta di legge delle IPAB. Si va verso l’azienda di servizi alla persona! Potremmo coinvolgere un membro della V° commissione.

Il dibattito potrebbe essere introdotto da Pigozzo .

 

Altri ritengono sia utile tenere al centro del dibattito pubblico pubblico il Mariutto per avere maggiore coinvolgimento e partecipazione; si propone il titolo:

IL FUTURO DEL MARIUTTO NELL’AMBITO DELLA RIFORMA DELLE IPAB

 

Mion L. chiede se G. Bellò può farci una schedina riassuntiva molto schematica dei problemi tecnici e dei dati riguardanti il Mariutto. Artuso si incarica di chiederlo.

Luciana ricorda che il 28 chiudono le iscrizioni alle scuole ; ci mostra un volantino fatto da genitori , insegnanti e PD che invita a fare richieste di iscrizione piu esigenti possibile per mettere in difficoltà il sistema.

 

Marisa si incarica di rivedere il testo per arrivare a dei volantini a firma PD da distribuire nelle scuole. Anche questo materiale ci sarà distribuito Lunedì 9.

 

Bonaldi Luigino prende contatti con Artuso perché suo figlio è disposto ad occuparsi del nostro sito internet.

 

Fine